RADICAL MASTERS EUROSERIES
Il Radical Master Euroseries riprende dopo la pausa estiva nell'autodromo più bello d'Europa o forse del mondo. Situato in Belgio, si snoda per oltre 7 km sulle Ardenne. Un tracciato incredibile, leggendario, ricco di fascino e storia: Spa Francorchamps.

Oltre 30 Radical si sono presentate fin dal giovedì per i test collettivi e subito l'equipaggio Italo-Svizzero conquista la vetta della classifica: Marco fa segnare un ottimo 2.17.5 di oltre un secondo più veloce di tutti gli altri piloti. L'obiettivo diventa, oltre alla terza pole position consecutiva, il nuovo record sul giro. Marco già detiene il record sul giro a Spa con la Radical SR3, fatto registrare nel 2010. Anche Marcello è velocissimo e fa registrare il terzo tempo.
Durante i test si è verificata una preoccupante usura degli pneumatici e quindi il team ha deciso di risparmiare le gomme per la gara. In qualifica la strategia era di fare solo 3 giri veloci e fermarsi, indipendentemente dal crono fatto.

Marcello scende in pista in Qualifica 1 e fa registrare il quinto tempo. In Qualifica 2 tocca a Marco che ha l'obiettivo del record della pista, ma, nonostante le gomme nuove, non riesce a migliorare il tempo della mattina e si ferma in prima fila ma in seconda posizione, distaccato di due decimi.
Entrambi i piloti hanno lamentato di aver incontrato molto traffico in pista, con vetture più lente che non hanno permesso le corrette traiettorie. Per la gara c'è comunque molta fiducia.

In Gara 1 Marcello parte bene, recupera fino alla terza posizione con un ottimo ritmo, ma poco prima del pit stop esplode un pneumatico proprio nel rettilineo davanti ai box, costringendo il pilota svizzero al ritiro.

Prima di Gara 2 la pioggia torna protagonista, bagnando completamente l'asfalto di Spa. Tutti i piloti decidono per un assetto da bagnato; la stessa decisione viene presa dal team LM Sport. Al via Marco prova subito a passare il pole man ma non riesce ed è costretto ad accodarsi in 3° posizione. Rimane alcuni giri in scia dei primi ma vede che il suo passo è molto più veloce e quindi decide di attaccare. Sorpassa con una bella frenata alla Source il Brasiliano Correa e il giro dopo esegue la stessa manovra sull'inglese Ross Kaiser che tiene duro. Cencetti e Kaiser arrivano appaiati all'ingresso dell'Eau Rouge: Marco sulla sinistra tiene giù il piede e riesce a sfilare primo. A questo punto spinge al massimo, facendo segnare il best lap di oltre un secondo e mezzo più veloce degli altri piloti. Incredibile. Marco nell'asfalto bagnato si esalta, ama guidare sotto la pioggia, si diverte e ha delle prestazioni sorprendenti. Al momento del pit stop cede la macchina a Marcello con diversi secondi di vantaggio ma, un problema con il cambio pilota, fa perdere del tempo importante e Marcello rientra in pista secondo. Prova a recuperare sul primo ma vede che è troppo rischioso e quindi decide di portare a casa il risultato. Marcello completa la seconda parte della gara senza commettere un errore, guidando pulito e preciso fino all'ultimo giro e passando in 2° posizionesotto la bandiera a scacchi. Un ottimo podio conquistato in condizioni rese insidiose dalla pioggia nell'autodromo classificato come "l'università dell'automobilismo".
Grande soddisfazione per la coppia Italo-Svizzera e per il Team tedesco LM Sport che ha fatto un ottimo lavoro per tutto il weekend. Peccato per la vittoria sfiorata e peccato per non aver ottenuto il nuovo record della pista.